Skip links

Il mese del Rosario in Terra Santa

Share

Il mese scorso il Papa ci ha invitato a pregare il Rosario e “unirsi così in comunione e in penitenza, come popolo di Dio, nel chiedere alla Santa Madre di Dio e a San Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa dal diavolo, che sempre mira a dividerci da Dio e tra di noi”. Il Santo Padre ha suggerito “di concludere la recita del Rosario con l’antica invocazione “Sotto la tua protezione”, e con l’invocazione a San Michele Arcangelo che ci protegge e aiuta nella lotta contro il male (cfr. Apocalisse 12, 7-12). Nel comunicato  la descrizione spiega che “i grandi santi di tutte le tradizioni consigliavano, nei momenti di turbolenza spirituale, di proteggersi sotto il manto della Santa Madre di Dio pronunciando l’invocazione “Sub tuum praesídium”.”

E proprio in questo mese mariano ricordato dal Papa, i cattolici di Terra Santa si sono riuniti l’ultima domenica di ottobre per onorare solennemente la loro Patrona, la Regina di Palestina, nel santuario di Deir Rafat, a meno di 35 km da Gerusalemme, vicino a Beit Shemesh. Va notato che quando il santuario fu costruito nel 1927, il nome Palestina non aveva il significato politico che a volte viene dato oggi. In quegli anni descriveva semplicemente la regione geografica abitata da Gesù e da sua Madre. In occasione della festa, come accade ogni anno, fedeli di diverse parrocchie della Terra Santa, tra cui Nazareth, Haifa, Gerusalemme, Betlemme e Gerico, si sono dati appuntamento a Deir Rafat dove hanno celebrato la Santa Messa, terminata con una suggestiva processione attorno al santuario con l’immagine della Vergine Maria.

Per ulteriori informazioni su questa celebrazione, ti consigliamo il seguente link:

La festa di Nostra Signora della Palestina riunisce centinaia di cristiani a Deir Rafat

 

Return to top of page